Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

On completion of the thirteenth edition of Frantotipico in Castel Ritaldi

Frantotipico | Comments Off

COMPLETION OF THE XIII EDITION OF CASTEL FRANTOTIPICO RITALDI: LA MANIFESTAZIONE FA IL PIENO DI PRESENZE E CONSENSI.

Over 1000 people Colle del Marchese, 180 attendance at the dinner sensory, accommodations to complete: soddisfazione dell’Assessore al marketing territoriale Giorgio Clementini. Divertimento di adulti e bambini nei frantoi, grazie al concerto tra gli ulivi de “I Solisti di Perugia”, le passeggiate con gli asinelli, la raccolta delle olive e la bruschetta più grande del mondo. Come tradizione vuole, il tempo ha lasciato col fiato sospeso organizzatori e partecipanti, but… lassù qualcuno ci ama! e così, anche quest’anno, tra nuvole e tiepidi raggi di sole Frantotipico ha fatto registrare il tutto esaurito. La manifestazione, inserita all’interno di “Frantoi Aperti” e organizzata dall’Associazione Culturale “Italian Accordion Culture”, proved a real success. Parole di grande soddisfazione sono state espresse dall’Assessore al Marketing territoriale Giorgio Clementini, che ha seguito da vicino la programmazione dell’evento << ringrazio in prima battuta l’Associazione IAC per l’impegno e la puntualità con cui ha curato ogni dettaglio e coordinato tutte le parti coinvolte>> afferma <<un ringraziamento speciale va, also, a tutte le realtà locali che hanno giocato un ruolo fondamentale: i frantoi, le aziende vinicole, i ristoranti e le strutture ricettive, le quali hanno collaborato attivamente per la riuscita di Frantotipico e non in ultimo, continua l’Assessore <<agli infaticabili ragazzi del Circolo di Colle del Marchese, che si sono spesi senza risparmiarsi >>. <<A conferma di un grande impegno corale, c’è stata un’importante quanto spontanea risposta di consensi, sia a livello territoriale che turistico>> termina Clementini <<testimonianza concreta di essere riusciti a pieno nel nostro intento: valorizzare i prodotti, le eccellenze e le risorse del territorio>>. Condivide ringraziamenti e osservazioni dell’Assessore Clementini anche Gianluca Bibiani, President of the Italian Accordion Cultures: <<le nostre attese sono state più che soddisfatte, vista l’affluenza delle persone e il gradimento di ogni parte coinvolta>> dice << non mi resta che dare l’appuntamento al prossimo anno per una nuova edizione di Frantotipico>>. Tante e variegate le attività svolte nei tre giorni dell’evento, tra cui merita di essere citata “Oliamoci well…”, cena sensoriale tra note e sapori realizzata Sabato 5, grazie alla collaborazione con la Cantina Collesole e lo chef della Locanda Rovicciano, Andrea Leonelli. Gli organizzatori sono stati costretti a chiudere in anticipo le prenotazioni, visto il raggiungimento del numero massimo di ospiti. La cena è seguita al concerto dei ragazzi del Lirico Sperimentale “A. Belli”: un momento davvero suggestivo in una location che ben si prestava a una simile esperienza. La Domenica, l’evento si è spostato nel borgo di Colle del Marchese, dove per tutta la giornata si sono avvicendati momenti di musica, gioco, intrattenimento nei frantoi e nella piazza del paese. Tanti i bambini che hanno partecipato alla raccolta delle olive presso il Frantoio Celesti, un susseguirsi di piccoli anche per le passeggiate a dorso d’asino, over 100 massaggi benessere alle mani realizzati presso l’Oleificio Cooperativo Produttori Agricoli e tutto esaurito al Frantoio Settimi per il concerto d’archi de “I solisti di Perugia”. L’arrivo delle auto d’epoca della Scuderia Campello ha, infine, lasciato godere dell’eleganza di esemplari di rara bellezza: prestigious automotive brands have marched with the style of the rarest models of the past. Nel pomeriggio, non è stata tradita l’attesa dei partecipanti e alle 17.00 ha fatto il suo ingresso la bruschetta più grande del mondo, che quest’anno ha superato i 3 metri della scorsa edizione. Un via vai festoso e continuo di gente, incuriosita dalle colorate bancarelle del mercatino e allettata dalla buonissima pizza cotta nell’antico forno a legna del paese, ha infine allietato le vie del Colle.